L’agriturismo sorge a S. Margherita Ligure (GE) nel complesso monumentale di Torre S. Gioachino, un antico edificio ecclesiastico (fino a pochi anni fa utilizzato come colonia estiva di religiose) la cui fisionomia è già rispecchiata in un disegno del 1693.

A un’esperienza rigenerante e ricca di sapori tipici,  la Mela Secca unisce un autentico tuffo in una storia poco nota ma ricca di suggestioni.

La splendida cappella, ad esempio: ancora esistente, fu voluta nel 1613 dal padre somasco Andrea Contardo, che la dedicò ai Santi Anna e Gioacchino arricchendola di raffinati stucchi e di un dipinto di Giovanni B. Paggi.

L’edificio è inserito in un itinerario artistico e culturale promosso dal Comune di Santa Margherita Ligure: il percorso compie il periplo delle colline che coronano la città, offrendo spettacolari panorami del golfo del Tigullio.  A pochissima distanza da Torre San Gioachino sorge Villa Torre, un fortilizio medievale a pianta quadrangolare irregolare, e la quasi millenaria Chiesa di San Lorenzo della Costa, dove è situata la Cappella di Sant’Andrea (XV secolo) che ospita il Trittico di Bruges: un capolavoro di arte fiamminga probabilmente commissionato da un notabile del tempo, Andrea della Costa, a Hans Memling e terminato da un allievo. Ma straordinario, per bellezza e prestigio, è anche il Martirio di San Lorenzo attribuito all’artista genovese Luca Cambiaso (circa 1575).

Nei dintorni

Torre San Gioachino appartiene di diritto a una cornice che ispirò poeti, artisti e filosofi fra cui, soprattutto, Friedrich Nietzsche. Ecco le parole con cui il filosofo tedesco riconobbe il debito del suo pensiero verso il paesaggio di cui la Mela Secca, grazie all’impegno di Nando Di Martino, è oggi fra i più attenti e appassionati custodi:

“L’inverno seguente (1882) vivevo vicino a Genova, in quell’insenatura graziosa e quieta di Rapallo, intagliata fra Chiavari e il promontorio di Portofino. (…)Il mio Zarathustra nacque proprio in quell’inverno. (…)

La mattina andavo verso sud, salendo per la splendida strada di Zoagli, in mezzo ai pini, con l’ampia distesa del mare sotto di me; il pomeriggio, tutte le volte che me lo consentiva la salute, facevo il giro di tutta la baia di Santa Margherita, arrivando fin dietro Portofino.(…)

Su queste due strade mi venne incontro tutto il primo Zarathustra, e soprattutto il tipo di Zarathustra stesso: più esattamente, mi assalì…”. F.Nietzsche

Posto dunque al confine fra Rapallo e Santa Margherita Ligure, il bed & breakfast è un punto d’appoggio straordinario per visitare il Tigullio e il Golfo Paradiso, concedendosi una partita a golf presso l’esclusivo circolo di Rapallo, un happy hour in piazzetta a Portofino, un’escursione a San Fruttuoso di Capodimonte, nel cuore del Parco di Portofino, una passeggiata serale nell’incantata cornice di Camogli. O per assaggiare le specialità gastronomiche di Recco come la celeberrima Focaccia al Formaggio.

E Genova, coi suoi palazzi nobiliari, il suo acquario, il suo Porto Antico, i suoi musei e il suo centro storico, il più antico d’Europa, dista solo 30 km!